E-book Pace fiscale e rottamazione 3.0

15,00

Art. 3 , D.L. n.119/2018 – Convertito con modifiche in L. 17/12/2018 n.136 (G.U. 18 dicembre 2018 n.293)

Maurizio Villani Federica Attanasi

Con l’approvazione del D.L. n. 119/2018 (coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2018, n. 136 – G.U. n. 293 del 18-12-2018 -), si è dato il via al debutto della terza edizione della rottamazione delle cartelle. Il provvedimento, sulla falsa riga delle precedenti edizioni (disciplinate dall’art. 6, D.L. n. 193/2016 e dall’art. 1, D.L. n. 148/2017), prevede la possibilità di definire i carichi affidati all’agente della riscossione nel periodo compreso tra il 2000 e il 2017. Lo sconto è rappresentato dall’azzeramento delle sanzioni e degli interessi di mora e l’istanza di adesione dovrà essere presentata entro il 30 aprile 2019.

Descrizione

Con la trasmissione della domanda, inoltre, si bloccheranno tutte le procedure esecutive e cautelari (fermo amministrativo e ipoteca). È, altresì, confermato che la rottamazione si perfezionerà solo con l’integrale e tempestivo pagamento di tutte le rate di legge e che il pagamento potrà essere eseguito anche attraverso la compensazione con i crediti certificati per appalti e forniture vantati verso la pubblica amministrazione. Una delle novità di maggior rilievo è rappresentata dalla tempistica dei versamenti delle somme dovute; il decreto legge ha, infatti, previsto 18 rate da spalmare in cinque annualità. Proprio questo sensibile allungamento dei termini ha richiesto un raccordo con le precedenti versioni della rottamazione, al fine di “ripescare” i contribuenti che non ce l’hanno fatta a rispettare le vecchie scadenze.